Formicaleone

Isabella BIGNOZZI

L’impronta della cura: su “Fioriture capovolte” di Giovanna Rosadini

C’è qualcosa di nuovo nell’aria tersa del mare d’ottobre, un «diverso respiro, al risveglio, la mattina» che invita a ripercorrere i tracciati della memoria. È questo il tema iniziale da cui prende respiro la silloge Fioriture capovolte (Giovanna Rosadini, Einaudi, 2018), opera poetica introspettiva, diario intimo in forma lirica che guarda al passato con grazia, …

L’impronta della cura: su “Fioriture capovolte” di Giovanna Rosadini Leggi altro »

Un’isola che attrae e respinge

Leonardo Bonetti, artista poliedrico, già noto agli annali come autore di contributi critici, opere di narrativa, prose poetiche, raccolte di racconti, realizzazioni cinematografiche, nonché compositore e musicista underground, vede in queste prime settimane del 2021 l’uscita della sua ultima fatica letteraria, il romanzo L’isola che non c’era, per Il ramo e la foglia edizioni. L’isola …

Un’isola che attrae e respinge Leggi altro »

Accuratissimo nulla e dismisura del volo: su “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani

Le radici si intrecciano sotto terra, la vita pervade l’erba, gli alberi, i pesci, gli uccelli, e la sete ci accomuna alle altre creature come un’urgenza universale, conato primo dell’esistenza corporea. Eppure c’è un’affinità tradita tra Homo sapiens e il resto del creato, una distanza dolorosa, di cui ci parla nella sua ultima silloge Chandra …

Accuratissimo nulla e dismisura del volo: su “La domanda della sete” di Chandra Livia Candiani Leggi altro »

La parola come amuleto e preghiera: su Sillabe di un appello di Giovanni Granatelli

Sono ormai solo «sillabe» quelle che Giovanni Granatelli assembla per il suo «appello», in una silloge poetica (Giovanni Granatelli, Sillabe di un appello, edizioni Medusa, 2018) che risuona di un garbo antico, un dono fatto al lettore quasi sottovoce, chiedendo scusa, dove «ripetere io» è forse «un’offesa / un gioco volgare». Eppure. Nelle prime pagine …

La parola come amuleto e preghiera: su Sillabe di un appello di Giovanni Granatelli Leggi altro »

Un cuore così bianco: echi e bagliori shakespeariani in Javier Marías

Teresa, una giovane donna appena tornata dal viaggio di nozze, si spara al petto e cade in un lago di sangue nel bagno della casa paterna, durante un pranzo di famiglia. Inizia così Un cuore così bianco (edizione originale: Corazón tan blanco, 1992; traduzione di Paola Tommasinelli, Einaudi, 1999), romanzo di Javier Marías, scrittore, traduttore e saggista spagnolo pluripremiato, …

Un cuore così bianco: echi e bagliori shakespeariani in Javier Marías Leggi altro »

La simbiosi nel caos: a proposito di La mischia di Valentina Maini

Valentina Maini, dopo la notevole prova poetica di La casa rotta (Arcipelago Itaca, 2016), ribadisce il suo talento a dir poco sfrontato con il romanzo La mischia (Bollati Boringhieri, 2020). Siamo a Bilbao, nell’anno 2007. Sullo sfondo le rovine e le ultime appendici del terrorismo indipendentista basco, in primo piano le vicende dei gemelli venticinquenni Gorane e …

La simbiosi nel caos: a proposito di La mischia di Valentina Maini Leggi altro »