Formicaleone

Iole CIANCIOSI

Of grace and meaning – Un’ intervista a Ken Kalfus

Io e Ken Kalfus siamo conoscenti di vecchia data, senza esserci conosciuti mai per davvero, tranne libri letti e qualche scambio di email. Ma un’amicizia, anche profonda, a volte si fonda su una manciata di cose, senza troppe pretese, del resto io preferisco la nudità del romanico alla vacua esuberanza del barocco. Dicevo, Ken Kalfus. …

Of grace and meaning – Un’ intervista a Ken Kalfus Leggi altro »

Dolci deragliamenti – Intervista a Giulia Zazzi

Questa storia ha inizio il 12 dicembre 2018, un anno fa potrebbe dirsi, a mezzogiorno meno un quarto circa, prosegue nel pomeriggio dello stesso freddo mercoledì del mese e si protrae per un po’. Viene lasciata decantare tra l’oscurità di paesaggi innevati e le luci colorate di strade addobbate a festa. Abbandonata su treni in …

Dolci deragliamenti – Intervista a Giulia Zazzi Leggi altro »

All’arte la sua libertà: riflessioni sulla poetica di Alberto Burri

Arriva sempre un momento in cui dalla teoria bisogna passare ai fatti, sporcarsi le mani, immergersi fino alla punta dei capelli nel fango e vedere come va. Una rivoluzione per redimerci da tutte le involuzioni, da ogni paura passata, dagli scintillanti e scaltri cambi di rotta, dalle scuse infondate, dalle bugie raccontate. Questo momento arriva …

All’arte la sua libertà: riflessioni sulla poetica di Alberto Burri Leggi altro »

Scrittura è libertà: un’intervista a Federico Scarioni

Scrittura è libertà, sembra voler dire a un certo punto di questa intervista Federico Scarioni, quando afferma di sentirsi uno scrittore libero, non sottoposto ai vincoli di produzione e a tante faccende burocratiche che implicano alcune situazioni editoriali. Scrivere è dunque indipendenza, è l’ostinazione di andare per la propria strada senza stare a sentire e …

Scrittura è libertà: un’intervista a Federico Scarioni Leggi altro »

Paradiso e inferno di Jón Kalman Stefánsson: tra l’Islanda, Milton e l’uomo

Il mondo era tutto davanti a loro scriveva John Milton in Paradiso perduto. Era l’Heimsendir[1], la “fine del mondo” o il suo inizio. Si potrebbe sostituire, però, a “mondo” il termine “mare”. Acque scure e profonde delle quali non si vedono i contorni, correnti in subbuglio nella notte gelata li sovrastavano e tentavano di inghiottire le …

Paradiso e inferno di Jón Kalman Stefánsson: tra l’Islanda, Milton e l’uomo Leggi altro »