Formicaleone

Tre poesie di Stefano Olmastroni

葛 /kudzu/

adesso passi le giornate
nel tentativo di sottrarti ai demoni
dell’innamoramento
scerpare il groviglio infestante
dei tuoi sentori

ce lo siamo spiegati che è tutto un eterno ritorno
se cerchi aiuto io non ti chiedo
di dare alle fiamme il tuo ramificare
prescrivere il fuoco

木霊 /kodama/

ora la musica ti parla
nella tua nuova foggia
negli auricolari che accolgono
gli inediti significati
guardi fissa un punto nel giardino 
dentro alla piazza che ti incanta
prima che torni pomeriggio
che sia già l’ora di cambiare stanza

pappagalli in cima ai rami, mi dici
ma io non li ho mai visti 

Tutto sarebbe risolto se i morti ci parlassero

tuo babbo il dottore
ti ha mummificato le Barbie
per ricavare spazio dal tempo perduto
le ha deposte fra le tombe dei topi
nelle stanze segrete che si aprono dalle librerie
le piramidi colonizzate
topi morti come segnalibri per poesie
pellicce accasciate di nonna

la malinconia … che cosa te ne fai
di questo colpo di fulmine
che ti ha preso mentre spolveravi
un giocattolo rinvenuto da adulta?
l’infanzia è una religione dei padri
un antico regno senza architettura

nel salotto dei tuoi primi anni
vedi i fiori di fuoco nel camino
di quando fuori calava la sera
e i padroni trascinavano i cani verso il ritorno
il fuoco lo hai addomesticato
eravamo noi i bambini allora
annoiati dalle chiacchiere dei grandi
adesso tutto ti sarebbe risolto
se i morti ti potessero parlare


Stefano Olmastroni (Montevarchi – 1987). Scrivo poesia, sono appassionato di musica e suono svariati strumenti a corde. Per il resto, mi piace passare il tempo all’aperto o imparando nuove lingue straniere. Per 3 anni ho collaborato con l’Accademia della Crusca. Dopo alcune esperienze di lavoro all’estero, fra cui l’insegnamento di lingua italiana presso il College of William and Mary in Virginia, attualmente vivo a Firenze dove insegno lingua inglese nella scuola secondaria. Ho pubblicato la raccolta di poesie Ognuno si racconta la sua storia (Italic, 2020). Alcune mie poesie sono apparse su varie riviste online. Altre si possono trovare su Medium alla pagina @stefanoolmastroni.

(In copertina: foto di Costantino Tuccori)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *