Formicaleone

Cinque poesie di Alexandra Bastari

TRATTO PQ 
Dopo la discesa – la deflessione
un sospiro diastolico:
ricomincio azzerata, alla base
della tachicardia.
All’apice aguzzo dell’onda
guardami genuflettere
il potenziale – spaccare una vetrata
che vibra al decollo.

ERMETICA 
Te lo dico tacendo in confidenza:
pare ermetica
ma la tua anfora timida
sfida la rottura ogni volta
che oscilla;
si sente in dovere
di tacere – la tua anfora
ermetica non è:
respira dallo spazio vuoto
all’orlo,
da un piccolo foro all’occhiello
prega futura potabilità.

SAREI STATA PER TE LA CASA
Anche nelle tue notti
di ribalderia
sarei stata per te
la casa di Filemone e Bauci
ma ospitare gli erratici
è come chiudere una pantera
dentro una gabbia
e io, come te
– per te
cerco un soffio di vento
che si insinui tra le grate.

GUSCIO
Forse quello che ricarica
l’eco improbabile del guscio
è questo urlare con le mani a coppa
l’esistenza
come gli animali che non sanno
il proprio nome.

VENERE NON TRAMONTA
Venere non tramonta stanotte
ha deciso di sorvegliare per ripicca
le mie fasi
la trappola famosa dello strappo al giorno
mi sveste completamente.
In terra cerco sue copie di luce
lampadine ottuse
la calcomania di un tizzo mi dice:
– per un attimo qui bruciò
un fuoco vero.


Alexandra Bastari, diplomata al liceo linguistico, nasce ad Ancona il 9 maggio 2000, ma cresce a Senigallia. Studentessa universitaria di Storia a Bologna, città in cui vive, qui coltiva anche la passione per la fotografia e l’arte. Sin dall’infanzia, la scrittura è la vera protagonista stilistica della sua vita, che l’aiuta a combattere timidezza e introversione. Esordisce a quattordici anni su piattaforme social di narrativa, dove pubblica due romanzi e un terzo, rimasto incompiuto. Nel frattempo, si affaccia anche al mondo del giornalismo, collaborando con il giornalino scolastico del suo liceo, e solo qualche tempo più tardi, a diciotto anni, dopo il suo primo viaggio a Londra, approda alla poesia, iniziando a scribacchiare versi distratti sui bordi dei quaderni scolastici per poi trasferirli sul suo blog, dietro uno pseudonimo che abbandona nel 2019. Partecipa a svariati concorsi di poesia, risultando spesso finalista e vincendo il primo premio alla quinta edizione del Concorso Internazionale di Poesia per Studenti “Poesis” di Vietri sul Mare (SA). Al momento non ha pubblicato nessuna raccolta.

(In copertina: foto di Raffaele Auteri)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *