Formicaleone

Due poesie di Riccardo Campion

La casa coi bovindi a San Fruttuoso
scudisciate di luce tra gli scuri
pulviscolo sospeso nella stanza
tu con sguardo di paglia volteggiante
traslitteri il mio nome 

Com’era via Torti in quell’ottantasei
di brulichii di nanocurie?
Com’era salutarsi alla fermata
e perdersi in andature torrentizie
in ripe di confine
in morsi di tremulo domani?

Ho messo alla voce data un tratto
cuneiforme così da perforare
l’intonaco del foglio
e del calendario
solo dissenso
al volere del tempo


Riccardo Campion (Alessandria, 1966) ha compiuto studi di slavistica all’Università di Genova. Traduce da varie lingue fra cui russo, polacco e bulgaro. Ha pubblicato testi originali e traduzioni di poeti stranieri sulle riviste di poesia online Iris News e Atelier e sul blog di poesia della Rai curato da Luigia Sorrentino. Il suo volume d’esordio Geografie private (Puntoacapo, 2016) nell’anno di pubblicazione si è classificato terzo al premio Tra Secchia e Panaro di Modena ed è stato finalista al premio Alda Merini di Brunate (Como). Nel 2018 il volume ha ricevuto la menzione d’onore alla X edizione del concorso nazionale di poesia Chiaramonte Gulfi – Città dei Musei, e nel 2019 ha ottenuto una menzione speciale al premio Versante ripido di Bologna.

(In copertina: foto di Valentina Di Cesare)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *