Formicaleone

Radici familiari e misteri ne “Le stelle di Capo Gelsomino”

Le stelle di Capo Gelsomino sono portavoci di storie e di teneri intrecci.
Le geografie si mescolano ma il cielo è il medesimo per le tre donne protagoniste del romanzo; per loro Sardegna e Lombardia sono due terre in apparente opposizione ma che si scoprono simili nel corso della narrazione, di entrambe hanno bisogno per vivere e per crescere. L’Isola dà la vita, dispensa consigli e amore proprio come Lulù, Luisa Dettori, ostetrica condotta “suprema sacerdotessa delle nascite”. A volte però la terra sarda si trasforma in matrigna con una forza centrifuga così potente da allontanare chi ci è nato o chi ci vive. È questo il caso di Marianna, figlia di Lulù, che scappa in “continente” per fuggire da se stessa e dall’ambiente familiare.

Al contrario di sua figlia Chiara dal cuore sardo che asseconda il richiamo di una terra numinosa: la Sardegna ha sempre esercitato su di lei la forza magnetica e centripeta capace di accogliere i figli dispersi che prima o poi tornano a ritrovare le proprie radici per assaporare la felicità. La Lombardia, colta e sofisticata, osserva le vicissitudini del trio dando a suo modo nutrimento: a Marianna ha insegnato metodo e rigore indispensabile per il suo lavoro di ginecologa e ricercatrice. È un territorio che può offrire benessere, cultura e mille possibilità dal quale però ci si allontana quando la nostalgia dei legami provenienti da una infanzia mai sopita impediscono di vivere serenamente. Esclusione o inclusione, appartenenza o estraneità ai luoghi e ai vincoli sentimentali che plasmano le interiorità: un sentire che i personaggi provano a fasi alterne della loro vita. È Chiara, la più giovane protagonista del romanzo di Elvira Serra, quasi un alter-ego della scrittrice e giornalista nuorese, a tenere le redini degli affetti e a scoprire con caparbietà i segreti di famiglia.
Nel suo desiderio di ricucire i frammenti che le appartengono riecheggia il monito de Il giorno del giudizio dello scrittore sardo Salvatore Satta:

«Per conoscersi bisogna svolgere la propria vita fino in fondo, fino al momento in cui si cala nella fossa. E anche allora bisogna che ci sia uno che raccolga, ti risusciti, ti racconti a te stesso e agli altri come in giudizio finale».

Salvatore Satta

Così l’io narrante ci guida e lo svelamento dei personaggi è una progressione di scoperte, fiori che sbocciano assecondando i ritmi della natura.
L’amore scorre come l’acqua, filo conduttore della storia fin dai suoi esordi. Profonda conoscitrice dei suoi poteri è Lulù, la nonna magica di Capo Gelsomino, quasi una messicana curandera che utilizza l’acqua per risolvere qualsiasi malanno. E non può essere altrimenti, l’elemento generatore è il liquido amniotico delle puerpere che si affidano alle sue cure. Prezioso alimento in una terra che conosce il dramma della siccità. È l’acqua infatti che asseconda i destini, s’ingrossa in mare aperto e spinge la navigazione. Al di là del mare Lulù incontrerà il suo Vittorio Manconi, l’atleta gigante che in epoca di guerra ha lavorato come idraulico. L’acqua si espande e dalla terra natia approda a Milano, sui Navigli per fare da scenario alle camminate riflessive di Chiara, per poi continuare il suo percorso espatriando in Giappone e fermandosi, per poco, nei mari blu della Grecia. Il romanzo è un canto corale che sfida la ruggine del tempo e salda la memoria dei ricordi. Non solo Luisa, Marianna e Chiara, sono tante le donne che si passano il testimone per intrecciare meglio i fili delle vicende, ognuna con un ruolo ben preciso. L’iniziazione alla vita non è un perfetto corso da seguire nelle prestigiose università del nord Italia ma ha il sapore, i colori e le imperfezioni di una terra arcaica che trasmette i valori dell’identità.

«Non avevo bisogno di leggere un libro, sotto il cielo esagerato. Non mi serviva la storia di un altro, dovevo rientrare nella mia, riprenderla fino a quel momento. Ricollezionavo preziosi istanti, sentendomi dentro la natura in modo perfetto. Combaciavo con l’aria, con le sdraio, con gli alberi e il cielo. Dei nostri detti, questo era il più profondo. Non avrei saputo tradurlo in parole: io appartengo a quel luogo, quel luogo a me».

Articolo di ALICE GUERRIERI

(In copertina: foto di Raffaele Auteri)

***

Alice Guerrieri è nata a Varese nel 1981. Laureata in Storia dell’Arte, vive tra Otranto e Varese e Cagliari, dove lavora all’Università.  Nel 2000 e nel 2002 è stata finalista del Premio Chiara Giovani e nel 2007 ha vinto il Premio Letterario Editoriale “L’ Autore” di Firenze per la sezione saggistica con l’opera La donna nella pittura di Giuseppe De Nittis, l’arte, la moda e la vie moderne poi pubblicata nel 2010 dall’editore Maremmi di Firenze. Nel 2014 ha pubblicato il suo primo romanzo, Parigi. Solo andata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *